You are currently browsing the category archive for the ‘Visioni’ category.

gomorrah-setting

Gomorra fa bene o fa male? Su Repubblica la Boccassini sostiene la prima tesi, Cantone la seconda. Oggi, sempre su Repubblica, interviene anche De Cataldo (“Gomorra non è un inno al male”). Ne ho visto spezzoni, mi è venuto in mente il Padrino (la descrizione, tutta dall’interno, del funzionamento di una tribù-mondo), ma anche i Guerrieri della notte e Jena Plissken. I quartieri di edilizia pubblica delle periferie di Napoli sono filmati come la Los Angeles 2019 di Blade Runner, un pianeta diverso; le abitazioni dei camorristi sono come gli interni di quel film, pesanti, poco illuminati, grondanti post-moderno barocco. Il ruolo della colonna sonora, scarna, possente, è simile. I protagonisti, come in Macbeth, crudelmente vivono e muoiono in un mondo che viene molto prima della legge, o molto dopo. Immagini di grande suggestione, coerenza di racconto e di stile. Capisco possa e debba esserci discussione sugli effetti sul costume, gli atteggiamenti, i giudizi di valore, ma non è facile, forse inutile.

Commenti recenti

Antonio Pisanti su Il fascino segreto di Miradois…
Antonio Pisanti su Diario di agosto 2
Antonio Pisanti su Boschi di pioppi dove c’erano…
Antonio Pisanti su Il “Vesuvio universale” di Mar…
Silvestro Gallipoli su La lezione appresa